| 
  • If you are citizen of an European Union member nation, you may not use this service unless you are at least 16 years old.

  • Stop wasting time looking for files and revisions! Dokkio, a new product from the PBworks team, integrates and organizes your Drive, Dropbox, Box, Slack and Gmail files. Sign up for free.

View
 

Zocchi Chiara

Page history last edited by chiara zocchi 8 years, 6 months ago

PORTFOLIO

Ad ogni incontro devi esprimere i tuoi pensieri sul film proposto editando questa pagina e scrivendo nello spazio sotto a ciascuna domanda

 


12 ottobre 2010: CARO DIARIO di Nanni Moretti, Italia 1993 (IV episodio: Medici) 30'

 

Che ti senti di dire dopo aver visto questo film?

questa storia ci insegna ad essere umili e a mettersi nei panni degli altri. l'ultimo episodio del film racconta l'odissea vissuta dal protagonista nel cercare un rimedio alla propria sofferenza. E' stato angosciante vedere quale trattamento hanno riservato al protagonista! Penso sia importante riflettere su un tema del genere perchè ci insegna ad essere umili di fronte alla malattia e,ancor piu', di fronte al malato

 

 

La visione del film che riflessioni ha indotto sulla tua idea della professione medica?

la presunzione di poter essere sempre in grado di diagnosticare la malattia dei propri pazienti, ha portato gli operatori-medici del film a rendersi ridicoli e superficiali. Tale presunzione andava di pari passo con la convinzione che la malattia appartenesse per forza al settore specifico dello specialista che, di volta in volta, analizzava la malattia. Cosi', guardando il problema da un angolo, se ne è persa la complessità e il risultato è stato fallimentare.

 

 

 

Allega tutte le integrazioni che vuoi (articoli di giornale, riferimenti a film, documentari o video, citazioni da libri, poesie, immagini, siti web, ecc.)

 

 

 


19 ottobre 2010: UN MEDICO UN UOMO di Randa Haines, USA 1991, 124'

 

Che ti senti di dire dopo aver visto questo film?

L'esperienza del protagonista non è troppo lontana dalla realtà che forse, un giorno, qualcuno di noi si vedrà costretto ad affrontare. Al passaggio da medico a paziente, seguirà un cambiamento nella vita professionale del protagonista che lo porterà a render conto prima al malato che alla malattia, prima all'uomo che al paziente. 

 

 

La visione del film che riflessioni ha indotto sulla tua idea della professione medica?

E' sicuramente importante mantenere un certo distacco tra il medico e il paziente, quel giusto distacco che serve per adempiere ai propri doveri senza che sentimenti ed emozioni ne influenzino il fine ultimo che è la cura della persona, con la speranza che questo non ci porti ad una alienazione completa dall'uomo che si ha davanti.

 

 

 

Allega tutte le integrazioni che vuoi (articoli di giornale, riferimenti a film, documentari o video, citazioni da libri, poesie, immagini, siti web, ecc.)

 

 


16 novembre 2010: IL GRANDE COCOMERO di Francesca Archibugi, Italia 1993, 96'

 

Che ti senti di dire dopo aver visto questo film?

La figura di Arturo, il medico protagonista che vive solo per il suo lavoro, è ammirevole ma ha anche innumerevoli limiti. Idealmente sarebbe perfetto vivere ed essere completati solo dal proprio lavoro perchè questo ci porterebbe, con molta probabilità, a farlo al meglio delle nostre possibilità. 

 

 

La visione del film che riflessioni ha indotto sulla tua idea della professione medica?

In una vita,quella lavorativa, Arturo si sente totalmente appagato ma contemporaneamente si trova solo e insoddisfatto nell'altra vita,quella privata,intima. Il risultato era chiaramente leggibile nei suoi occhi:quelle vite non sono separabili, sono due aspetti di una stessa realtà.

 

 

 

Allega tutte le integrazioni che vuoi (articoli di giornale, riferimenti a film, documentari o video, citazioni da libri, poesie, immagini, siti web, ecc.)

 

 

 


30 novembre 2010: LA FORZA DELLA MENTE di Mike Nichols, USA 2001, 99'

 

Che ti senti di dire dopo aver visto questo film?

Questo è stato sicuramente il film più duro di tutto il cineforum. I medici si mostrano incuranti del profilo psicologico della paziente e non riescono nemmeno a percepirne i peggioramenti fisici. 

 

 

 

La visione del film che riflessioni ha indotto sulla tua idea della professione medica?

Questo film rinforza sempre di piu' l'importanza del rapporto medico-paziente. Deve essere si un rapporto professionale ma il più umano possibile.

 

 

 

Allega tutte le integrazioni che vuoi (articoli di giornale, riferimenti a film, documentari o video, citazioni da libri, poesie, immagini, siti web, ecc.)

 

22 marzo 2011: MEDICI PER LA VITA di Joseph Sargent, USA 2004, 110'

 

Cosa ti senti di dire dopo la visione di questo film?

 

film di incredibile spessore,ispirato alla vera storia di Alfred Black e del suo tecnico di laboratorio Vivient Thomas.  E' ammirabile il rapporto del protagonisti, insieme affrontano le barriere dello spazio e del tempo per un grande traguardo: il primo intervento di anastomosi succlavio polmonare per guarire la tetralgia di Fallot. E' ambientato negli anni 40, periodo in cui ancora la diversità raziale era fermamente presente nell' intricata trama sociale. E' un film molto moderno nei contenuti proprio per il rapporto di amicizia che che lega i due protagonisti nonostante le difficoltà del tempo. La loro preziosa collaborazione li spinge a tentare l'impossibile sia nel loro lavoro che nella loro vita privata.


La visione del film che riflessioni ha indotto sulla tua idea della professione medica?

 

E' un tema molto attuale specialmente per una società multietnica come la nostra. Avere degli obiettivi ambiziosi è un ottimo punto di partenza per ottenere dei risultati strabilianti, ma si deve essere pronti a pagare degli alti prezi. Anche se il fine è nobile i mezzi purtroppo non lo sono sempre. 

 

 

5 Aprile 2011: L'OLIO DI LORENZO di George Miller, USA 1993, 129'

 

 

Che ti senti di dire dopo aver visto questo film? 

questo film ha dei contenuti diversi rispetto agli altri film finora visti. La malattia del piccolo Lorenzo non ha cura. La disperazione dei suoi genitori li spingerà a diventare degli esperti in campo mondiale di questa malattia e a trovare un rimedio che però purtroppo non è sufficiente per la guarigione.

 

 

La visione del film che riflessioni ha indotto sulla tua idea della professione medica?

Il tema è attualissimo: una malattia affinché interessi la ricerca deve essere una fonte di guadagno. 

 

 

 

19 Aprile 2011: Patch Adams di Tom Shadyac, USA 1998, 115'

 

Che ti senti di dire dopo aver visto questo film?

 

Patch Adams non solo è stato il grande uomo che ha introdotto la risoterapia nei primi anni 70, ma è stato anche l'uomo che ha ridato valore e importanza al contatto umano con i pazienti.  Come è già stato detto, è importante considerare anche l'aspetto emotivo del paziente. Patch Adams ci ha insegnato che per combatte la malattia è necessario affrontarla su tutti i campi, in particolare sul campo della mente. Migliorando la qualità della vita dei pazienti in ospedale, si ha piu' possibilità di ottenere risultati positivi alle terapie. 

 

 

La visione del film che riflessioni ha indotto sulla tua idea della professione medica? 

 

Patch Adams è un esempio per tutti noi.

 

 

 

 

Comments (0)

You don't have permission to comment on this page.