| 
  • If you are citizen of an European Union member nation, you may not use this service unless you are at least 16 years old.

  • Want to organize your cloud files? Sign up for a free webinar to see how Dokkio (a new product from PBworks) can help you find, organize, and collaborate on your Drive, Gmail, Dropbox, and Slack files: Weds, May 27 at 2PM Eastern / 11AM Pacific
View
 

ZibaldoneOpinioni

Page history last edited by PBworks 12 years, 5 months ago

 Zibaldone di pensieri sul corso

 

Raccolgo qui una collezione di pensieri espressi dagli studenti. Ho copiato le frasi pedissequamente, per non perderne  la freschezza. Forse inserirò dei commenti, a legarli fra loro, forse. Per ora sono così, buttati lì alla rinfusa.

 

Sono stupito della prontezza e della lucidità con la quale sono stati compresi concetti che ho difficoltà a condividere con molti colleghi. In fini dei conti c'è stata una sola lezione frontale ed un mese o due di cross-blogging. La cosa fa veramente riflettere.

 

Trovo quindi che il corso da lei cosi organizzato sia davvero molto costruttivo, e credo anche che se avessimo dovuto imparare dei concetti, li avremmo imparati a memoria e...sì..l'esame l'avremo superato ma dopo qualche giorno ci saremmo scordati gran parte delle cose e in conclusione non avremmo imparato niente

 

E' stata in assoluto la prima volta che, nel corso della mia carriera universitaria e scolastica, ho affrontato un corso in questo modo...E devo dire la verità ho imparato più così che ricordando a memoria tutta una serie di nozioni che poi avrei sicuramente scordato non appena dato l'esame.

 

poi sono venuta alla prima lezione che ha tenuto ed ho pensato: "questo è pazzo"!

 

Ora ho capito come mai per questo corso non poteva essere accettato il patentino ECDL: il patentino si ferma all'uso di base del programma, mentre questo corso permette di interagire con il computer[quando ci arrabbiamo perchè non sappiamo fare una cosa e urliamo verso lo schermo ;-)]e con gli altri utenti della rete.

 

invitandola a continuare con questo metodo...perchè può insegnare ancora molto ad un ampio numero di studenti, facendo loro capire che nel mondo universitario c'è ancora qualcuno che può fare appassionare alla propria materia di insegnamento

 

Grazie per tutto ciò che ho imparato e per quello che imparerò in futuro.

 

Un idea geniale, perché involontariamente ha insegnato a molti ciò che sicuramente non avrebbero "appreso" studiando le singole dispense. Con la scusa di affrontare dei compiti che magari non sembravano troppo "gravosi" ha dato modo a molte persone di sperimentare con mano e apprendere molti dei concetti espressi nelle pagine del corso che con uno studio "tradizionale" sarebbero magari stati memorizzati per l'occasione senza comprendere appieno.

 

Penso che la trovata geniale di questo corso sia di permettere agli studenti di imparare veramente qualcosa di utile divertendosi e non semplicemente aprendo un libro e mandando a memoria una serie di sterili nozioni. Credo che si possa dire che questo metodo attiva un vero e proprio processo di "apprendimento".

 

ho trovato questo corso estremamente formativo e sicuramente mille volte più utile di 10 lezioni di informatica buttate lì su office, excel o che so io...

 

la possibilita' "learning by doing" cose nuove sull'uso del pc, di rimettermi un po' a scrivere per me stessa e per gli altri, di gestire le informazioni in maniera sintetica: avere pochi punti chiari da risolvere ma con ampia scelta del come risolverli, di collaborare e instaurare anche rapporti umani con gente piu' o meno sconosciuta con un filtro nuovo, di gestire orari e modalita' in modo ampiamente personalizzato, di poter veramente far proseguire nel tempo le cose imparate e non lasciarle nel dimenticatoio ma riutilizzarle per scopi personali (e' vero, questo e' apprendimento, cambiare, ora apprezzo il suo "mutare" nel titolo del blog) e di interazione con il popolo del web (che flash delicious!), il fatto che il prof sia cresciuto con noi in tutto questo processo dedicandosi totalmente e dimostrando che si puo' e si deve rimettersi in discussione senza timore di perdere quello che siamo o sappiamo: non si puo' che migliorare e che quindi il docente e' realmente anche discente e viceversa, mi piace il fatto che questo corso sia nato con noi, per noi, attraverso di noi e che non sia stato un progetto ben curato da propinare sperimentalmente ma che si sia adattato via via nella forma alla nostra forma: non invidio affatto le matricole dell'anno prossimo che avranno un lavoro simile al nostro, ben organizzato filtrato da quello che oggi stiamo dicendo ma in fondo basato sul nostro, noi possiamo dire che "c'eravamo!".

 

gente cosi' giovane che ha paura del nuovo e del diverso, che sale sul treno solo se ne vede la convenienza...strano e bruttino. pero' e' parecchio colpa della scuola che non allena a cercare, a spaziare, a osare ad abbracciare le cose diverse. la ricerca del terreno sotto i piedi e' prevalente al senso dell'avventura quando mancano sicurezze di fondo.

 

Comunque il Formiconi's method ha funzionato,in quanto è riuscito a rendermi "ATTIVA",cosa che di solito non viene promossa dai prof,i quali tendono sempre più a far fagocitare alla nostra mente,miriadi di nozioni che dall'esame a breve saranno di certo trasferite nel "dimenticatoio",con il risultato che sempre di più escono dalle università cervelloni,che all'atto pratico si perdono in un bicchiere d'acqua.

 

Prima di mettere i piedi in quell'aula, pensavo che questo sarebbe stato uno dei tanti corsi di informatica in cui devi solo imparare a mente un sacco di termini, all'esame ti porti papiri di biglietti, anche solo per ricordare come si scrivono quei nomi che hai imparato, e dopo l'esame non ti rimane niente, se non tanta voglia di bruciare qualsiasi mezzo elettronico che incontri sulla via... :) Invece, adesso, io ho creato un blog, sono riuscita ad aggiungere un feed, ho condiviso i miei pensieri, ho letto quelli degli altri, ho scherzato, ho fatto amicizia, mi sono divertita e appassionata.

 

Ecco,mi è piaciuto tantissimo il fatto che ci siamo messi in gioco in prima persona e,come succede raramente, abbiamo potuto imparare qualcosa di veramente formativo perchè pian piano,seguendo delle istruzioni,ci siamo arrivati NOI e il professore ha fatto da referente,da consulente,da aiutante non da "colui che possiede la scienza" e chi s'è visto s'è visto.

 

sono molto contenta di aver fatto in questo modo il corso di informatica. Non ho dovuto seguire delle barbosissime lezioni nelle quali se capivo un terzo delle cose dopo dieci minuti me ne dimenticavo subito, com'è successo con l'ecdl! In questo modo ho imparato molte nuove cose sul mondo di internet e soprattutto ho iniziato a muovermi meglio con il mio computer...è veramente un modo originale di insegnare forse più efficace delle lezioni frontali!

 

Son belle le cose originali.

 

Qui si può davvero imparare ad usare il computer usandolo e non studiando solo la teoria!!!

 

Ciò che ha caratterizzato questo percorso è stato il sapersi "orientare".

 

Invece mi sono meravigliata del fatto che grazie a questo corso sono diventata indipendente dal punto di vista informatico!!!

 

Lei con questo tipo d'insegnamento ci ha coinvolti a tal punto che abbiamo imparato più in questo poco tempo che in anni che manovriamo i computer...

 

sarebbe interessante far fare questo esame anche a qualche suo collega!!!!

 

A livello didattico cosa mi ha dato?...Beh facendo un piccolo esempio anche ieri abbiamo avuto lezione dove si parlava di bit, byte, sistemi di archiviazione...il professore ha praticamente saltato tutta la presentazione visto la preparazione della classe sull'argomento grazie(personalmente) ai suoi appunti...

Resta tutt'ora un piacevole passatempo leggere cosa gli altri scrivano sui propri Blog. Non è un'esperienza che verrà cancellata facilmente.

 

Prof, anzi, io avrei un'idea, perché non continua, sempre sul suo blog o tramite la piattaforma, a insegnarci (per chi vuol continuare anche a esame concluso) le mille meraviglie di internet?sarebbe un peccato che tutto questo lavoro che abbiamo fatto andasse sprecato, quindi perché non continuare?

 

 

 

 

 

 

 

Comments (0)

You don't have permission to comment on this page.