| 
  • If you are citizen of an European Union member nation, you may not use this service unless you are at least 16 years old.

  • Get control of your email attachments. Connect all your Gmail accounts and in less than 2 minutes, Dokkio will automatically organize your file attachments. You can also connect Dokkio to Drive, Dropbox, and Slack. Sign up for free.

View
 

post_translation_before_trying_to_outline

Page history last edited by michele ravenni 11 years, 7 months ago

" Before trying to outline a 'final project' "


Prima di provare a delineare un "progetto finale" mi piacerebbe sentire le voci degli studenti. Sì perchè prima di tutto gli insegnanti devono imparare ad ascoltare le voci dei loro studenti, prima di applicare metodi, prima di pensare a delle teorie, prima di pianificare strategie. Per me l' obiettivo non era incorporare i principi connettivisti al mio piano e sviluppo dell'insegnamento, bensì l'opposto, in un qualche modo. In otto anni di attività, sono passato attraverso una serie di passi ascoltando costantemente gli studenti, così come un timoniere segue attentamente i venti sulla sua nave. Poi mi sono trovato in un posto nuovo. Era piuttosto piacevole ma non sarei in grado di descriverlo se non in modo un pò confuso.

Nel frattempo ho sentito alcune persone parlare di un posto che mi sembrava molto familiare, chiamandolo Connettivismo. Ecco, non sono completamente sicuro che stiamo parlando della stessa cosa ma comunque i due posti non dovrebbero essere molto differenti fra loro. Tornando agli studenti, quelli del semestre in corso stanno ancora lavorando. Perciò vi lascio sentire le voci dell'anno scorso. Sono collezionati in una pagina ( page ) del mio aggregatore di feed ma abbiamo preparato una traduzione di alcuni esempi di essi :

 

students_voices_4

 


  • (da !!!HOUSTON ABBIAMO UN PROBLEMA!!! ) «Grazie davvero prof di averci fatto un po’

esprimere in santa pace e averci fatto allontanare da quella quotidianità che sono ormai

diventati gli esami, tantissime pagine da studiare a memoria di cui ci resta ben poco dopo aver

preso il nostro voto.....per questo esame le assicuro che la cosa sarà molto diversa!!!!!».

(da il blog d’Andrea) «Per prima cosa vorrei dire che io rientravo in quel famoso 10% di

persone che avevano il terrore solo nel premere il tasto “accensione” e adesso posso

sinceramente dire di non essere diventato un genio dell’informatica ma avere almeno appreso

gli strumenti basilari per condurre in modo piacevole e meno stressante il rapporto col computer

e Internet»

  • (da Mr. Freethinker’s) «Non che il web 2.0 c'azzecchi per forza qualcosa con la Medicina (e

comunque c'azzecca molto!) ma perchè la mentalità che c'è dietro al web 2.0 rientra in quella

che secondo me dovrebbe essere la formazione umana alla professione medica...».

  • (da Blog-Blog...che?... ) «E posso dire che è stato strano, questo corso d’Informatica. Diverso,

completamente diverso da quello che finora mi ero ritrovata ad affrontare. E dire che io, con il

mio lavoro, dovrei esserci abituata alle innovazioni... Eppure, quando il prof ha detto: “Okay

ragazzi, fate un blog!”, la prima cosa che ho pensato è stata: “Okay prof, prima però passi sul

mio cadavere”... E così, nonostante tutto, l’ho fatto: ho aperto un blog... E per la prima volta non

mi sono sentita una macchinetta che ripete a catena, ma una persona. In un oceano di libri, una

volta tanto, ho trovato una goccia di splendore». 

  • (da Il blog di Blackmamba) «L’idea del blog mi è piaciuta da subito. Se non altro per la

possibilità di interagire con gli altri studenti e con il professore stesso fuori dall’ambito

universitario... Il corso di informatica infatti è andato ben oltre l’ambito universitario : si è parlato

dell’uso del linguaggio, del rapporto tra studenti e professori, del rapporto medico-paziente...». 

  • (da ..Così è..(se vi pare) ) «Ma la bellezza di tutto non è stata solo la "novità", che si sa, di per

sè, è spesso positiva...anche perchè se questo metodo fosse esteso a più materie credo che la

mia euforia sarebbe sempre la stessa e non svanirebbe una volta svanito il fresco stupore della

novità...» 

  • (da Fuori come va? ) «E proprio da qui viene fuori la particolarità del prof Andreas e

dell'insegnamento che tira fuori! Prima lezione di informatica: tante cose dette e subito la prima

che suona strana e assolutamente stupenda alle orecchie degli studenti:"non si terranno lezioni

regolari (cioè aula, alunni seduti,docente che parla ininterrottamente di cose molto spesso

incomprensibili,fiumi di appunti,di firme di frequenza, ma anche di sbadigli e ogni tanto noia!!),

ma il docente sarà sempre disponibile durante l'orario in aula informatica per qualsiasi aiuto,

chiarimento.. e per una chiacchierata su qualsiasi altro argomento!!!» 

  • (da Necessario è navigare) «Siamo arrivati in fondo a questa esperienza ed è tempo di bilanci.

Partiamo dal principio. Devo dire che quando il prof ci ha proposto questo modalità di esame

attraverso il blog sono rimasta sul momento un po’ spiazzata. Intanto perché comunque si tratta

di un tipo di lavoro che uno può farsi fare da qualcun altro molto esperto, poi perchè prevedeva

la totale assenza del prof per la durata della cosa. Ho trovato tutto piuttosto strano... Poi, data la

mia inesperienza, ho visto profilarsi di fronte alla mia strada difficoltà su difficoltà da affrontare

senza alcuna guida. Il dubbio se affrontare la sfida o rifugiarsi nel semplice e rassicurante

esame tradizionale è stato forte... ma il bisogno di trasgressione lo è stato di più. Niente libri per

una volta... niente appello... niente esame... niente stress quel giorno preciso in cui non dai mai

quanto potresti. E allora mi ci sono buttata. [...] Il bilancio è decisamente positivo. Forse una

pecca: la presenza del prof... un po’ troppo evanescente...»

  • (da Pensieri sconnessi) «Mi ha veramente sorpreso questa attenzione non tanto ai contenuti della materia quanto al

metodo migliore perché sia il più possibile comprensibile allo studente, e non un puro giochetto

accademico autoreferenziale, come troppo spesso succede (e poi i risultati sono quelli che

sono...). Questo corso è stato veramente uno schiaffo all’indifferenza, al nepotismo, al

favoritismo e a tutto il marcio che esiste nell’istruzione universitaria italiana. Ho fede che tutto

non si dissolva in una bolla di sapone, con la stessa velocità con cui questa avventura è

maturata».

  • (da Allsweetfruits - Tutti i gusti del mondo (o quasi) ) «Dunque dunque dunque cosa mi ha

lasciato questo corso di informatica? Per prima cosa che i professori universitari, non sono tutti

seri, non per forza portano la cravatta e parlano o richiedono un linguaggio appropriato

(ovviamente sempre nei limiti), poi mi ha dimostrato che non sempre il professore si comporta

come se fosse un gradino superiore a quello del ragazzo, anzi ci si può trattare alla pari ed

imparare l'uno dall'altro senza bisogno di offendere....».

  • (da Doors are always about to close... ) «Dobbiamo dire che l'impostazione del corso è stata

fortemente scarna di ideologie, ma incredibilmente ricca di idee. Capite la differenza? Ritengo

che l'idea di base sia quella che emerge manifesta nell'essenza stessa del concetto di blog, di

pagina wiki e di twitter: comunicazione, scambio, collaborazione, elaborazione. Questi a mio

avviso sono i quattro momenti essenziali del social networking e, in generale, di qualsiasi

attività che voglia avere successo. Pensateci: quasi tutti i processi fisiologici che avvengono nei

tessuti - tanto per restare in tema - comportano la comunicazione tra cellule contigue, lo

scambio di metaboliti e di molecole segnale, la collaborazione per l'elaborazione di qualcosa,

una risposta biochimica, la sintesi di materiale. Credo che molte persone abbiano recepito ed

apprezzato questo messaggio "sociale", tanto che è stato persino tema di discussioni durante le

nostre giornate all'università».

  • (da ..sognando il camice.. ) «Ok vabè i voti entrano sempre in mezzo a stressare, ma in questo

caso a parte l’ennesimo numero sul libretto universitario questo esame resterà con noi...resterà

qualcosa di nostro...».

  • (da Il magazzino delle idee) «Un'altra cosa che ho apprezzato forse più di tutte è la diversità di

questo corso: mi sarei aspettato varie lezioni su argomenti di informatica, appunti da prendere;

le cose che abbiamo avuto modo di fare, invece, non sono le classiche cose comuni a qualsiasi

altro insegnamento, ma sono attività uniche, che non credo, purtroppo, potremo mai fare da

nessun'altra parte. Sono uniche, ma il bello è che, nonostante questo, hanno comunque un alto

valore didattico. Scrivendo sul blog, leggendo quelli degli altri, scoprendo le funzioni di PubMed,

di Twitter, di Google Docs, Google Maps, e chi più ne ha più ne metta, ho imparato molto. Molto

di più di quanto non avrei fatto studiando su un libro».

  • (da Funeral on Mars) «Trovo che uno dei meriti del corso com'è attualmente organizzato sia il

presentare questo concetto in modo operativo ed intuitivo: si sono fatte intuire potenzialità, non

fatte memorizzare procedure (il che, al livello in cui ha senso studiare informatica in una facoltà

come questa, sarebbe altamente controproducente). L'unica cosa che personalmente ho

trovato stonasse è la mancanza un po' di senso di sfida: comprensibilmente le attività

assegnate dovevano poter essere svolte da tutti, il che ha reso necessario dare enfasi al ruolo

dei contenuti rispetto a quello dello strumento-computer, ma anche restando in quest'ambito

avrei gradito, penso, almeno una traccia opzionale effettivamente impegnativa».

(da tante teste meglio di una) «e poi...cos'altro aggiungere...caro andreas, meglio di così, ti

sei letto tutte le nostre vicissitudini per 6 mesi, sai gli indirizzi di tutti noi grazie a google maps e

tutte le nostre curiosità morbose sulle malattie grazie a pubmed....direi che anche a te non è

andata niente male...:-)».

  • (da Caterina Blog) «E il corso di informatica, almeno per quanto riguarda il mio caso specifico,

è stato in grado di farmi riflettere più di una volta su problemi prima affrontati solo con

superficialità; mi ha fatto apprezzare l'università proprio quando l'atmosfera mi stava

soffocando».

  • (da Wherever You Will Go........) «Ci sono state cose che mi hanno colpito e coinvolto

particolarmente, una tra tutte: il seminario “I care”, che ha avuto come conseguenza la mia

decisione di entrare a far parte del “gruppo dei clown”. L’unica cosa del corso, che

probabilmente ho gradito meno, è stata una certa ossessività iniziale da parte del prof nello

“sfornare” compitini... ».

 

So che i risultati devono essere espressi in numeri in modo da essere più oggettivi possibile, ma credo che i numeri non siano sufficienti per quanto concerne l'attività umana. Per esempio, siamo sicuri che sia possibile descrivere uno stato d'animo solo coi numeri? E, se no, dovremmo ignorare lo stato d'animo degli studenti quando si parla di apprendimento?

Ad ogni modo, abbiamo anche prodotto proiezioni statistiche e la seguente è uno dei risultati di base.

 

poll_1

Qui devo assolutamente ringraziare:

 

  • Maria Grazia Fiore la quale ha seguito con me la blogoclasse l'anno scorso e mi ha aiutato ad organizzare l'enorme sfilza di dati alla fine dei corsi
  • Emanuela Zibordi la quale ha analizzato i risultati delle proiezioni
  • Ilaria Montagni la quale ha provveduto alla traduzione delle voci degli studenti

 

 

Queste persone sono tutte volontari che sono stati coinvolti a trovare connessioni nella rete.

Comments (0)

You don't have permission to comment on this page.