| 
  • If you are citizen of an European Union member nation, you may not use this service unless you are at least 16 years old.

  • Work with all your cloud files (Drive, Dropbox, and Slack and Gmail attachments) and documents (Google Docs, Sheets, and Notion) in one place. Try Dokkio (from the makers of PBworks) for free. Now available on the web, Mac, Windows, and as a Chrome extension!

View
 

Corso di Informatica - Data Base - La gestione

Page history last edited by Trapani Marco 12 years, 12 months ago

Per discutere, pur semplicemente, il modo con il quale si controlla un database è necessario entrare un minimo dentro alla struttura di un sistema transazionale. Vediamo quindi una semplice descrizione degli elementi che lo compongono. Come esempio utilizziamo proprio la piattaforma ATutor con cui viene offerto questo corso di informatica e che ormai voi conoscete abbastanza bene.

 

L'interfaccia utente

 

È la parte che vede l'utente. Per esempio è ciò che voi studenti vedete sullo schermo del computer quando usate questa piattaforma. In pratica ciò che vedete in una qualsiasi pagina della piattaforma è un misto di form e di report.

I form sono quelle pagine nelle quali voi dovete introdurre qualche tipo di dato o premere qualche bottone per ottenere un effetto. Per esempio, quando avete fatto la registrazione per poter usare la piattaforma, avete dovuto introdurre un nome di login, una password, il vostro nome ed altre cose. Quella pagina è un form. I report invece sono pagine con dei contenuti che voi potete utilizzare. Molto spesso i report consistono in tabelle: per esempio estratti conto, orari di treni e qui, sulla piattaforma, la tabella delle discussioni nel forum, la tabella dei test e via dicendo. Non sono tuttavia sempre sotto forma di tabelle. Per esempio i contenuti delle lezioni sono dei testi veri e propri, che possono a loro volta contenere altri tipi di informazioni, quali immagini, filmati, suoni.

 

Oggigiorno, in una grandissima quantità di applicazioni che usano un database il sistema è gestito proprio come questa piattaforma, potendovi accedere mediante Internet, da un qualsiasi posto quindi, casa, aula informatica, Internet Point ... Non è tuttavia sempre così. Nel sistema usato da un impiegato delle ferrovie allo sportello delle prenotazioni, l'interfaccia utente è gestita da un software apposito.

 

Nel caso dei sistemi che impiegano Internet, l'interfaccia grafica è realizzata dal browser, che può essere Mozilla Firefox, Netscape, Internet Explorer, Safari o altri programmmi simili. È quindi il browser che riceve le informazioni dal web server su come deve rappresentare i report e i form e, nel caso di questi ultimi, che gestisce adeguatamente le funzionalità grafiche: riempimento di campi, bottoni da premere, bottoni da marcare, cursori da fare scorrere e via dicendo.

 

L'interfaccia utente è costituita da software ma anche da hardware. Nella norma l'hardware è giusto quello del computer, con il suo schermo , la sua tastiera, il suo mouse ed eventuali altri congegni. Tuttavia, per particolari tipi di attività, si usano anche altri tipi di hardware per assolvere alle funzioni di interfaccia. Per esempio i registratori di cassa con lettori di codice a barre per le casse dei supermercati o i lettori di tessere sanitarie digitali per avere tutte le informazioni cliniche disponibili all'atto del ricovero di un paziente in ospedale.

 

L'applicazione di gestione del database

 

Un secondo componente dei sistemi transazionali è l'applicazione di gestione del database. Questa è un modulo software che di fatto manipola i dati estratti o introdotti nel database e comunica con il mondo esterno mediante l'interfaccia utente descritta prima. È tutta quella parte di software che c'è, per così dire, dietro all'interfaccia utente. Nel nostro esempio, queste due parti compongono ciò che chiamiamo piattaforma ATutor.

 

Per farvi capire meglio, dal punto di vista del programmatore, per scrivere il software dell'interfaccia utente bisogna conoscere i sistemi di comunicazione del computer quali display grafici, tastiere, mouse, penne ottiche e ci si deve porre il problema del modo migliore per offrire i dati all'utente. Invece il resto del software contiene la conoscenza del settore a cui si rivolge l'applicazione e richiede la collaborazione di esperti del campo: per esempio funzionari di banca per i sistemi transazionali bancari, esperti di catalogazione bibliografica per i sistemi informativi delle biblioteche, insegnanti per le piattaforme di e-learning, esperti di organizzazione sanitaria per sistemi informativi sanitari.

 

Il DataBase Management System (DBMS)

 

Il terzo componente dei sistemi transazionali, il DBMS, è il software che di fatto legge o altera le informazioni memorizzate nel database. Dal punto di vista del programmatore che deve sviluppare un sistema transazionale, il DBMS viene visto come un insieme di comandi che possono servire a

  • definire la struttura che devono avere i dati di un database (su questo punto torneremo successivamente),
  • manipolare i dati memorizzati nel database,
  • estrarre sottoinsiemi dei dati in modi appropriati per le necessità dell'utente.

 

Comunemente, i DBMS offrono una serie di comandi che possono essere scritti direttamente con la tastiera del computer in una finestra a comandi (detta finestra DOS nei sistemi Windows o Shell nei sistemi Unix o Linux). Questi possono essere utilizzati più che altro dagli sviluppatori per delle prove, normalmente questi comandi sono utilizzati sotto forma di istruzioni software da inserire all'interno dell'applicazione di gestione del database.

Comments (0)

You don't have permission to comment on this page.